CERTIFICAZIONI BRC - IFS

Catene di fornitura e reti distributive sempre più complesse hanno intensificato la richiesta di garanzie sulla qualità e la sicurezza alimentare da parte dei Consumatori e delle Autorità. In risposta a questa pressante attenzione, la Grande Distribuzione si è fatta promotrice a livello internazionale di standard igienico-qualitativi, richiedendone l’applicazione ai propri Fornitori. Attraverso questi schemi, è possibile monitorare e verificare le metodiche di lavorazione ed il rispetto di requisiti igienici lungo l’intera supply-chain, garantendo la sicurezza degli alimenti ed una pronta gestione del rischio, laddove si dovesse verificare un problema.

Non solo i Fornitori ma anche i Produttori di materie prime e i Trasportatori sono coinvolti oggi in questa sfida. L’azienda che vuole affacciarsi sul mercato internazionale non può prescindere dall’adozione di questi standard.

Gli standard BRC e IFS sono schemi internazionali promossi con l’obiettivo di armonizzare, a fronte di principi comuni, i differenti standard adottati dalla Grande Distribuzione europea. Lo standard BRC - British Retailer Consortium - è nato in Inghilterra, dove è oramai istituzionalizzato; l’IFS - International Food Standard - è uno strumento equivalente emesso dai più importanti nomi della Grande Distribuzione tedesca, francese ed italiana. Entrambi gli standard prevedono audit di certificazione da parte di Organismi di Terza Parte. Di fatto, oggi, con le rispettive ultime edizioni, le due norme si sono allineate, facilitando la possibilità di audit di certificazione congiunti.

 

Quali sono i principali benefici della Certificazione BRC/IFS?  - Accesso ai mercati obiettivo nella maggior parte dei Paesi europei  - Relazioni più solide con i propri Fornitori  - Maggiore trasparenza e aumento della fiducia dei Consumatori  - Semplificazione della produzione  - Controllo dei processi interni e minimizzazione dei rischi  - Dimostrazione approccio pro-attivo per la Sicurezza Alimentare.

 

Quali sono le principali differenze tra BRC e IFS?

Entrambi gli standard sono stati progettati per verificare le pratiche dei fornitori della GDO. Hanno quindi lo stesso obiettivo ma la strada per raggiungerlo è leggermente diversa. I principi cardine sono simili (HACCP, Sistema Qualità, Pre-requisiti, gestione dell’ambiente di lavoro e del personale, controllo del prodotto e del processo), ma il calcolo per determinare la conformita è impostato in maniera differente. L’IFS adotta un sistema di valutazione a punteggio percentuale; il BRC ragiona per gradi di conformità (A,B,C).

Quali sono le novita' introdotte dalle recenti revisioni degli standard? - sono stati introdotti requisiti sine-qua-non che risultano fondamentali per poter proseguire l'iter di certificazione;  - si è data importanza all'evoluzione della normativa in termini di allergeni, non OGM, packaging, gestione dei richiami/ritiri/allerte.

Sia BRC che IFS hanno subito in questi anni notevoli revisioni frutto Sia BRC che IFS hanno subito in questi anni notevoli revisioni frutto dell’esperienza derivante dall’applicazione sul campo: 

- sono state eliminate ripetizioni di requisiti; 

Di fatto, a seguito di questi cambiamenti, gli standard BRC e IFS si allineano per moltissimi aspetti e viene facilitata la possibilità di audit congiunti.



--------sezione allegati----------


scarica